fbpx

>

Intervista ad Hari De Miranda

INDOVINA CHI | Intervista ad Hari De Miranda, Specialista Marketing Digitale

L’OBSOLESCENZA NON PROGRAMMATA DEL SAPERE

“Se dico a mia nonna che do supporto alle aziende che cercano la loro visibilità online, non la aiuto certo a capire cosa faccio!”. Qualunque cosa di cui Hari De Miranda tratta sembra provenire da lontano, comporsi difronte a chi ascolta, per poi avvolgere con la sua pacata profondità l’esigenza che l’ha prodotta. È la pervasività del mondo digitale, così presente nella quotidianità di persone e aziende, eppure così complessa da comprendere e applicare alle proprie specifiche esigenze.

Hari la distilla e la trasforma in un sapere concreto, fatto di strategie, formazione, consulenza ed operatività: le quattro attività che mette a disposizione degli imprenditori alle prese con esigenze di revisione dei processi e dei modelli di business, oppure con scelte di marketing e comunicazione che orientano l’azienda al web e ai social network. “Mi piace avere un approccio eclettico: ho più attitudine alla strategia e collaboro con un socio che ha maggiore dimestichezza con le tecnicalità”. Si ricompone così l’elemento essenziale di tutte le attività, il pensiero e l’azione, indispensabili l’uno all’altro, senza supremazia ma con tempi e caratteristiche proprie. In entrambi la pratica, l’applicazione e l’esperienza concreta ricoprono un ruolo fondamentale.

«Parole Inattuali» è il progetto attraverso il quale Hari pone alla prova dei fatti la sua conoscenza: decine di micro eventi di gastronomia etnica promossi solo attraverso il web e la piattaforma di Facebook in un continuo aggiornamento dei contenuti e del coinvolgimento del pubblico, tra asado argentino, ceviche peruviano e jiaozi cinesi. Affina la comprensione del funzionamento dell’algoritmo, definisce la conoscenza di procedure e strumenti, sviluppa contenuti e ne testa l’efficacia, fino a che nel novembre 2017 per il Festival Internazionale delle Polpette raggiunge 1 milione di persone attraverso i social, che generano 10.000 partecipanti all’evento. “La fortuna partecipa sempre ai successi, ma ho capito che il corso di laurea che avevo appena concluso apriva una finestra che andava continuamente spalancata”.

Scienze della comunicazione non è una dicitura pretenziosa, ma una definizione che impegna allo studio e alla ricerca costanti per mantenere aggiornato il sapere. Intelligenza artificiale generativa, metaverso e tecnologie esponenziali vanno prima comprese e poi provate per diventare veri strumenti al servizio delle
aziende.

L’attitudine ad approfondire, vagliare e porre le giuste domande, alla tecnologia come a chi la vuole utilizzare per raggiungere obiettivi specifici, è la modalità che avvicina in maniera naturale Hari a Compagnia delle Opere Insubria: collaborazione e associazione sono due punti della stessa traiettoria. “Bisogna avere una curiosità intellettuale che in parte hai dentro e in parte deriva dal contesto e dagli stimoli che ti fornisce”. L’Associazione è il luogo in cui rilasciare conoscenza e cogliere nuovi spunti riguardo le necessità degli imprenditori, dove dare corpo ad idee attraverso la condivisione delle necessità legate a nuovi modelli di business digitali, all’interno dei quali la comunicazione diventa un asset e non solo un ambito di investimento.

Dal 1991 ad oggi Internet ha segnato un’epoca di cambiamenti, in cui innovazione, tecnologia e conoscenza sono l’asse portante. Le prospettive nell’immediato futuro sono più ristrettive rispetto alle promesse iniziali di apertura e disintermediazione. Per le PMI essere presenti e visibili comporta un passaggio culturale che poggia su due pilastri: investimenti commisurati a giro d’affari e obiettivi, continui e non sporadici, acquisizione e costante aggiornamento di un sapere, che procede a ritmo serrato e la cui obsolescenza non è programmata ma certa. Ancora una volta persone e cultura sono il binomio a cui dare forza, attenzione e preminenza per mantenere le proprie attività sulla linea del tempo.

Condividi su:    

CATEGORIE

ULTIME NEWS

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SEGUICI SU